articoliformazioneart counsellingarteterapiameditazioneRelazioniSedute di coppia

Niente accade per caso…(parte terza)

Pubblicato il

 

Quando si eseguono più calchi contemporaneamente, è bene ottimizzare i tempi visto che la lavorazione prevede momenti di posa per l’asciugatura di bende, gesso o colori. Perciò, finché procedevo al restauro del calco di Maya, presi in mano quello di Gaya e cominciai a lavorare la superficie applicando i necessari strati di gesso e carteggiandoli finemente fino a farla diventare perfettamente liscia e pronta per essere dipinta…
Quando sono immersa nell’atto creativo sono profondamente connessa e se ascolto, mi arrivano informazioni…già Maya mi aveva riportata alla mia natura di “strumento” quando il mio orgoglio aveva preso il sopravvento e ora mi stava parlando di Lei.
Quella piccola anima era già consapevole della sua forte spiritualità e che doveva fare spazio alla sorella. Rinunciava al suo posto di primogenita per dare spazio a Gaya. Il suo è un amore così grande da lasciare spazio all’altro continuando a sostenerlo e a prendersene cura. Lei è quel sole comparso sul suo calco!
Maya, la mamma di Buddha, non di un bambino come gli altri, quella pioggia d’oro è lo Spirito che la feconda. Blu, rosa intenso, oro nella visione di Alanna, esprimono una profonda spiritualità e la forza dell’Amore che questa piccola anima già ci sta insegnando.
Ebbene, anche stavolta ciò che avevo sentito trovò una conferma.
Prima di consegnare il calco chiesi alla nonna e alla zia di Maya come fosse la bimba nei confronti della sorella ed entrambe mi raccontarono della grande tenerezza con cui se ne prende cura, di come la protegge e del grande amore di cui la ricopre…Ma di questo e di come, sorprendentemente, Maya abbia riconosciuto la pancia che la cullò per nove mesi, potrà forse parlarci meglio Alanna stessa, non credete?
THE END

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *