articoliart counsellingarteterapiameditazioneRelazioniSedute di coppia

Niente accade per caso…(prima parte)

 

Ogni calco è una storia a sé. Ha una propria vibrazione, una propria energia, una propria Vita. La percepisco, la sento forte finché lavoro con la coppia di genitori e mentre eseguo i passaggi di lavorazione del calco. Non so spiegare con le parole – non è possibile riuscire a farlo – l’energia creatrice che mi invade, mi attraversa con informazioni, luci, colori, immagini, sensazioni, emozioni. Ogni volta rispondo sì e vengo guidata … così la frequenza di quella coppia e del bimbo che sta per nascere, diventano materia, si cristallizzano in quell’oggetto che è VIVO.
Raccontarti del calco di Maya, mi riporta a grandi emozioni. Un’esperienza spirituale e fisica che mi colpì tantissimo.
Alanna e Francisco sono una coppia di psicologi che hanno fatto buon uso delle loro conoscenze per lavorare sulla genitorialità, sull’accoglienza, sulla trasformazione, sul dono, e per prepararsi con amore e gratitudine alla nascita di Maya. Con loro il percorso di ArteViva è stato più breve, ma intensissimo. Mancava pochissimo al parto (ci siamo presi un po’ tardi ) ma Alanna non aveva nessun desiderio di staccarsi dal suo pancione, aveva amato la sua pancia così tanto da averne nostalgia al solo pensiero di perderla. Entrare in meditazione per lei e Francisco era semplice e la connessione con la bimba era delicata, ma ne percepivo la potenza.
Il rosa, il blu intenso e l’oro presenti sul calco, sono i colori che Alanna vide durante la meditazione. Frequenze alte e una pioggia d’oro fecondatrice: questo è ciò che percepii…
La cosa sorprendente fu che, dopo aver atteso il tempo necessario per staccare il calco, inaspettatamente sembrava non volesse essere rimosso. Un calco normalmente si stacca quasi da solo dal pancione, era un’esperienza a dir poco insolita! Ma poi capimmo cosa stesse succedendo.
Ricordate che Alanna non avrebbe voluto partorire? Che avrebbe desiderato che il suo pancione restasse al suo posto a dispetto delle scadenze della gravidanza? Ebbene, queste sue emozioni di attaccamento sembravano tradursi concretamente nella difficoltà del distacco delle bende gessate e non solo: Alanna sentiva dolore durante questa operazione e piangeva…
Stava vivendo il distacco dalla sua amata pancia ed esorcizzandolo, stava attraversando la sua paura e compiendo un passaggio alchemico.
Ma questo è solo una parte della storia di questo incredibile calco…
TO BE CONTINUED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *